Mid Season: fino a -20% sulla PE19

Borse uomo

Filtra per

Borse da uomo

Le borse sono sempre di più oggetti di tendenza e anche nelle sfilate della primavera/estate 2017 sono state protagoniste della moda maschile.

Forse per la voglia di estate e di libertà, le borse da viaggio sono state proposte sia in pelle che in tessuto da molti stilisti. Canali e Gucci presentano borsoni con mix di materiali e stampe con logo, mentre Emporio Armani li propone in pelle stampata a ramage di foglie, Pal Zileri e Dirk Bikkembergs invece optano per colori il blu intenso e Fendi per tonalità forti. Più classici quelli in nero di Ami Alexander Mattiussi, nei toni del marrone di Neil Barrett o nel bentornato color cuoio, magari con stampe ed effetti invecchiati, visto da Ermanno Scervino, Ralph Lauren e Bertoni 1949.

Tra i modelli più gettonati vi sono sempre gli zaini, apprezzati per la loro comodità e proposti in diverse varianti, in modo da soddisfare anche i più esigenti gusti estetici:

  • In blu, sportivi in tessuto con patch applicati per Bally, in pelle da Emporio Armani.
  • Stile militare per la stampa mimetica di Ports 1961 e Valentino Garavani, coloniale con molte tasche da Salvatore Ferragamo.
  • Da trekking con fibbie in nylon e grandi spalloni da Prada e Balmain.
  • Stampati in stile etnico da Etro e in perfetto abbinamento con la giacca sportiva da Marni.
  • In pelle, rigidi per Cerruti 1881 e trapuntati con colori forti come arancio, blu elettrico e rosso da Philipp Plein.

Le grandi tasche, dettaglio di tendenza della stagione, si sono viste anche sui marsupi di Salvatore Ferragamo, da M.S.G.M. vengono portati in spalla e sono stampati in viola e blu da Versace. Le borse sportive hanno stampe camouflage da Paul & Joe oppure a fiori anni ’70 da Tommy Hilfiger.

Le shopper sono presenti un po’ ovunque, in stile marina da Michael Kors, a righe multicolor da Fendi, con grandi pendenti colorati da Pal Zileri, in canvas con lunghe cinghie in cuoio da Raf Simons. Le versioni in pelle sono morbide da Etro e Jil Sander, essenziali in bianco e nero da Issey Miyake, con effetti traforati e interni tono su tono da Furla.

Le borse a tracolla sono molto creative e si abbinano anche ad altri modelli o si indossano in modo originale, come nel caso delle creazioni di M.S.G.M. che le propone in colori brillanti da agganciare ad una catena o a una lunga tracolla a fettuccia. Da Roberto Cavalli sono in stile hippie, da Fendi color talpa e di piccole dimensioni, da J.W. Anderson sono a soffietto con grandi fibbie a forma di piercing, da Givenchy sono sportive con tasche a contrasto.

I modelli a spalla più nuovi sono a sacca, magari enormi e con scritte come da OAMC, con stampa scozzese in versione pop come da Paul Smith o in suede per Trussardi. Forme più classiche ma textures a rilievo per quelle di Versace, per le stampe pop di Moschino o quelle a righe con applicazioni floreali stile anni ’60 di Fendi.

I bauletti sono in pelle rossa da Dsquared2, in canvas e pelle fluo da Hermès, in pelli esotiche come struzzo e coccodrillo da Gucci, Wales Bonner o da Louis Vuitton. Le forme più originali sono proposte da Dolce & Gabbana, che si ispirano alla musica e le fanno diventare grandi stereo, oppure quelle a forma di palloni da calcio di Dirk Bikkembergs.

Le pochette invece sono minimali, ultrapiatte, come quella a disegni tribali di Valentino Garavani, quelle morbide in pelle e tessuto nero di Versace, a stampa scozzese di Paul Smith o pop viste da Vivienne Westwood.

Le borse da ufficio ritrovano la forma anni ’80 della valigetta 24h, rigida e in pelle nera per Brioni, stampata per Louis Vuitton, con irriverenti icone sacre per Anthony, mentre le versioni più classiche sono in pelle scamosciata con maniche a intreccio per Bottega Veneta, a soffietto per Burberry o con forme e tagli geometrici per Serapian.